Villaggi Salento
Sei in: 

Villaggi Salento » Riserve naturali e aree protette del Salento

Riserve naturali e aree protette del Salento

Vista dei laghi Alimini

I principali parchi naturali

La zona della Puglia posta nell'estremo sud della regione, nota come Salento, attira ogni anno, nelle case vacanza e negli hotel che popolano la costa, un numero crescente di turisti. In particolare, il territorio del Salento è noto anche per la sua capacità nel proporre ai visitatori numerose oasi e riserve naturali. Qualche giorno di vacanza permetterà di osservare una fauna particolarmente ricca, che include specie in via di estinzione, oltre ad una vegetazione in grado di sorprendere per la sua varietà. È la provincia di Lecce a presentare il numero maggiore di siti (ben 32); si tratta, generalmente, di aree di dimensioni contenute ma non per questo meno affascinanti dal punto di vista naturalistico. Chi lo desidera può dedicare le proprie ore libere alla fotografia, ottenendo immagini di grande impatto, oppure scegliere di praticare attività quali trekking o birdwatching o, ancora, limitarsi ad effettuare rilassanti passeggiate a piedi, in bicicletta o a cavallo, lungo i numerosi percorsi presenti. 

Tra le aree protette del Salento più amate rientra sicuramente il Parco del Reuccio col relativo bosco. Esso costituisce una preziosa testimonianza della presenza, in passato, in un'area che si estende da Otranto a Brindisi, di una foresta di vaste dimensioni, della quale però oggi sono sopravvissute solo alcune "isole". Il Bosco di Rauccio si trova a pochi chilometri da Lecce e vede i suoi 18 ettari quasi esclusivamente occupati dai lecci. A tale area fanno seguito 90 ettari di "zona umida", due bacini costieri e tre canali. Grazie alle guide presenti in zona è possibile percorrere numerosi sentieri; nei pressi del parco, in particolare, si snodano quattro percorsi tematici molto interessanti. Questi territori presentano un mosaico formato da acquitrini, risorgive e stagni. È possibile trovare piante rare come le Orchis palustris (una specie di orchidee), uccelli acquatici, rapaci del calibro del falco di palude, cinciallegre, usignoli di fiume, gufi e civette.
Percorrendo la costa adriatica si raggiungerà il Parco Naturale delle Cesine, un nome che deriva dal termine cesina, il cui significato è quello di "zona disboscata". A confermare tale caratteristica sono le dune e l'area palustre, ma non mancano una pineta e la classica macchia mediterranea. Si tratta di una riserva naturalistica il cui fulcro è costituito da due stagni costieri. Da sottolineare l'esistenza di sentieri attrezzati lungo i quali sono stati realizzati dei capanni di osservazione, utilizzati per studiare flora e fauna. Anche in questo caso, l'habitat è estremamente variegato, essendo composto da pinete, macchie, paludi e spiagge; si tratta, nella maggioranza dei casi, di aree che hanno potuto beneficiare di interventi di bonifica e rimboschimento. Questa oasi di grande fascino attira numerosi appassionati di natura soprattutto grazie alla sua fauna, sia di carattere stanziale che migratoria. Si ricorda, ad esempio, la presenza dell'airone (sia bianco che rosso), del germano reale e del Moriglione, un'anatra tuffatrice. Gli amanti del birdwatching hanno la possibilità di ammirare, tra gli altri, fringuelli, usignoli e il Martin Pescatore. All'interno degli stagni vivono rettili e anfibi tra i quali ricordiamo la biscia dal collare, il ramarro e la rana verde. Esplorando la riserva sarà impossibile non imbattersi in libellule e falene diurne. 
Il sito noto come Parco della Montagna Spaccata e Rupi di San Mauro, a nord di Gallipoli, è posizionato tra i Comuni di Galatone e Sannicola. La fascia costiera che caratterizza questa zona è nota per le sue campagne coltivate e per la pineta di pino d'Aleppo posta sul costone, oltre che per una vegetazione sempreverde nelle vicinanze del Lido Conchiglie. La Montagna Spaccata costituisce un promontorio roccioso che si trova a picco sul mare e il nome deriva dalla sua caratteristica forma, frutto dall'intervento dell'uomo. La "spaccatura" ha permesso la creazione della strada litoranea. Se non mancano le aree boschive, frutto di rimboschimenti, nelle quali è possibile osservare anche acacie ed eucalipti, lungo la costa la macchia mediterranea propone soprattutto alberi come il mirto e il lentisco. 

Estrema ricchezza di flora e fauna

A circa 8 km da Otranto è situata la Riserva Naturale dei Laghi Alimini, dichiarata "Zona di Protezione Speciale" e raggiungibile sulla litoranea che unisce San Cataldo di Lecce ad Otranto. Al suo interno si trovano due bacini, rispettivamente dell'Alimini Grande e dell'Alimini Piccolo. Anche qui troviamo flora e fauna particolarmente ricche, tra cui molte specie di uccelli migratori. 
Lungo la costa jonica, a ridosso del centro storico di Gallipoli, si trova l'Isola di Sant'Andrea, la cui estensione raggiunge i 5 ettari. Quest'area, in gran parte pianeggiante, rientra nel territorio del Parco naturale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo, istituito nel 2006 e in grado di offrire un'area di 100 ettari caratterizzata da specie vegetali della macchia mediterranea (dal corbezzolo al mirto, fino all'asparago spinoso), della gariga (si ricordano, tra gli altri, timo e rosmarino), e di vegetazione formata da orchidee e calendule. Per quanto riguarda la fauna, una presenza rarissima è quella del Gabbiano corso. Anche la Riserva naturale statale Torre Guaceto, posta nel territorio brindisino (quindi nell'alto Salento), nei suoi 1.200 ettari riesce a proporre, oltre alla torre di avvistamento aragonese dalla quale deriva il nome dell'area, una varietà di specie di uccelli che comprende, tra gli altri, aironi e usignoli di fiume, ma anche rondini che, a migliaia, finiscono per stazionare nel territorio pugliese nel corso delle migrazioni. Non è raro imbattersi in mammiferi quali volpi, faine e conigli selvatici, ma anche in piccoli roditori, cinghiali e daini. Gli appassionati di archeologia possono trovare diversi siti di interesse comunitario nel Parco di Porto Selvaggio e Palude del Capitano, nato nel 2006. Oltre ad una costa rocciosa e frastagliata, quest'area è formata da pinete e da testimonianze dalla macchia mediterranea. La zona del Salento, al di là di quelle prese in esame finora, offre anche altre riserve e oasi di grande pregio, a partire dai boschi di Tricase e Cerano, passando per la Riserva di Frassanito e per il Parco Naturale "La Mandra", fino al Giardino botanico "La Cutura".

 

Newsletter

iscriviti per
ricevere le
offerte in Puglia

Informativa per il servizio newsletter offerto da questo sito

I Titolari del trattamento dei dati forniti dall'interessato per l'iscrizione al servizio newsletter con contenuto commerciale, HELLO VACANZE S.r.l. con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) e SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) forniscono le seguenti informazioni circa il trattamento di tali dati.
Ai sensi dell'art 13 del Regolamento UE 2016/679 ("Regolamento") desideriamo informarLa che i Suoi dati personali, liberamente conferiti, mediante la compilazione del presente form saranno utilizzati per l'invio della nostra mailing periodica.
Il conferimento si rende necessario per l'iscrizione richiesta. Il mancato conferimento dei dati comporterà l'impossibilità di aderire al servizio.

Finalità del trattamento dei dati trattati

I dati personali forniti volontariamente dagli utenti saranno trattati esclusivamente per l'invio di mail contenenti offerte commerciali e, con separato consenso da esprimersi nelle pagine dedicate contestualmente a richiesta di offerte e preventivi, per l'analisi delle Sue scelte di consumo al fine di poterLa servire al meglio.

Chi tratterà i Suoi dati

Potranno venire a conoscenza di tali dati i soggetti autorizzati al trattamento di HELLO VACANZE S.r.l., preposti alla gestione del servizio newsletter, e di SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale.
I Suoi dati saranno trattati con modalità manuali, informatiche e/o telematiche e non saranno né comunicati né diffusi ulteriormente a quanto specificato nella presente informativa.
Specifiche misure di sicurezza sono comunque sempre osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
La informiamo che per l'invio della newsletter viene utilizzata la piattaforma informatica MailUp di proprietà di MailUp S.p.A., con sede legale in Viale Francesco Restelli 1 - 20124 Milano (MI), Codice Fiscale e Partita IVA 01279550196 (o outsourcer).
Sui server direttamente gestiti dall'outsourcer verrà memorizzato il Suo indirizzo email. MailUp tutela gli invii effettuati per tramite della Sua piattaforma con una policy disponibile al link: https://www.mailup.it/risorse-mailup/strategia/privacy-email-marketing/.

Qual è la base giuridica del trattamento dei suoi dati?

I dati che ci fornisce per l'iscrizione alla newsletter vengono trattati in base al Suo consenso.

Come vengono trattati i suoi dati e per quanto tempo?

I dati personali sono trattati per l'invio delle comunicazioni a mezzo mail con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.
I dati trattati per le finalità commerciali di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre due anni.
I dati trattati per le finalità di profilazione di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre un anno.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Al momento della revoca del consenso, anche se espresso precedentemente alla scadenza del termine di conservazione dei dati raccolti per tali finalità, gli stessi saranno automaticamente cancellati ovvero resi anonimi in modo permanente e la nostra Società potrà chiederLe di rinnovare, anticipatamente a tale revoca, il consenso al trattamento.

Come potrà esercitare i suoi diritti?

Potrà rivolgersi per e-mail agli indirizzi email privacy o email privacy, per verificare i Suoi dati e farli integrare, aggiornare o rettificare e/o per esercitare gli altri diritti previsti dagli artt. da 15 a 22 del Regolamento.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Per ogni ulteriore informazione in merito al trattamento dei Suoi dati la invitiamo a consultare l'informativa completa presente nel nostro sito.