Villaggi Salento
Sei in: 

Villaggi Salento » La pizzica salentina

La pizzica salentina

Pizzica salentina, esibizione a Martignano (LE), ottobre 2007

Le origini di un rito che fa bene all'anima

C’era una volta una terra magica e di confine, popolata da gente umile e calorosa, attaccata alle tradizioni e abituata alle fatiche e alle insidie del lavoro dei campi. Tra i pericoli più temuti figurava sicuramente la tarantola, ragno oscuro e minaccioso che si accaniva sulle donne intente alla mietitura, portandole col suo veleno in uno stato di catalessi. Le antiche comunità contadine, però, conoscevano un rimedio infallibile: una danza incantata e terapeutica che, coi suoi ritmi ossessivi e concitati, guariva le malcapitate, offrendo a chi le accerchiava un modo per evadere dalle costrizioni sociali. Oggi il tarantismo non esiste più ma, in quella terra arsa dal sole, abitanti e turisti rivivono ogni anno lo stesso miracolo: quello della pizzica salentina, che mantiene intatto il suo “incantesimo di carattere musicale”. Un piccolo assaggio di ciò che rappresenta questo fenomeno sperando che, trovandovi in vacanza nel Salento, vogliate assistere e partecipare ad una delle tante rappresentazioni di ciò che è molto più di una danza.

Chi partecipa a un’esibizione di pizzica ne viene inevitabilmente rapito: i tamburelli, che con la loro cadenza ipnotica sembrano imitare il battito del cuore, finiscono per esaltare lo spettatore il quale, progressivamente, viene invaso da un’energia incontenibile. Non a caso, ad ogni concerto si ripete la stessa sbalorditiva dinamica: all’inizio ballano soltanto gli aficionados, quelli che, ad ogni sagra o evento, si appostano strategicamente sotto al palco per assicurarsi che il “morso del ragno” giunga loro con tutta la sua potenza. Alla fine, a scatenarsi è l’intera piazza, compresi i timidi e gli inesperti. Perché la pizzica travolge ed è davvero difficile restare indifferenti. Questa forza esplosiva, che si ripete ad ogni raduno, viene da molto lontano, probabilmente dall’antica Grecia e dai suoi febbrili culti dionisiaci. Tuttavia, la pizzica odierna, detta in modo canonico pizzica pizzica, va sicuramente inquadrata nella famiglia delle tarantelle e, quindi, in quel variegato insieme di danze sviluppatesi in età moderna in tutto il Meridione. Infatti, benché oggi venga considerata tipica del Salento, fino agli anni Settanta interessava anche la Puglia centrale e la Basilicata.

Nonostante l’attuale connotazione folcloristica, la pizzica inizialmente era soprattutto uno strumento curativo: come già accennato, la sua funzione consisteva nel guarire le donne pizzicate dalla tarantola, sostituendosi alla medicina tradizionale che, di fronte alle convulsioni isteriche provocate dal ragno, si dimostrava del tutto inefficace. Stando agli studi dell’antropologo Ernesto De Martino, però, questa è solo una parte della verità: le orchestrine composte a cerchio, l’incitamento dei compaesani e i movimenti forsennati protratti all’infinito erano spesso diretti ad alleviare morsi del tutto simbolici. Il veleno delle tarantolate, in questi casi, non era altro che un disagio interiore, dovuto a traumi personali o malesseri sociali. La terapia, comunque, non mutava in quanto la musica era l’elemento predominante e serviva a trascinare la donna in uno stato di trance, proprio come nei riti sciamanici. I violini e i tamburi la incitavano ad identificarsi col ragno che l’aveva punta mentre lei, sdraiata, scalciava come per liberarsi da una possessione. In seguito, vinte le convulsioni che la inchiodavano a terra, si alzava in piedi e ballava ininterrottamente finché, stremata, ricadeva al suolo, ottenendo così l’agognata grazia di San Paolo. Il ballo, infatti, ripercorrendo simbolicamente il gesto di schiacciare la tarantola, si affiancava all’abitudine di tracciare il segno della croce sul morso e a quella di bere l’acqua benedetta del pozzo di Galatina nel riprendere esattamente gli insegnamenti del discepolo, in un processo che, con l’avvento del cristianesimo, aveva finito per coincidere con la scacciata del maligno.

Vieni a ballare in Puglia: i modi e i luoghi della pizzica salentina

Da rito pagano a cerimoniale cristiano, a elemento di un folklore che sta vivendo una nuova giovinezza: la pizzica, oggi, raduna nelle piazze centinaia di migliaia di persone e, sicuramente, gran parte del merito va alla popolazione salentina che, gelosa e orgogliosa delle proprie tradizioni, fa di tutto per mantenerle coerenti e vitali. A provarlo, tanti corsi e laboratori gratuiti che alcuni comuni della penisola più a est d’Italia organizzano per tramandare le regole e le tecniche delle diverse tipologie di danza.
Tra queste, si ricorda la taranta che, ballata con sottofondi musicali invocanti l’aiuto di San Paolo, recupera fedelmente la tradizione e, ancora, la pizzica scherma o danza delle spade, una variante basata sulla presenza di soli uomini, i quali mimano un combattimento per mezzo di coltelli, esibendo nel corso della sfida la loro agilità e prestanza fisica. Ma, sicuramente, la forma più amata e diffusa ai giorni nostri è quella denominata pizzica de core. Interpretata da una coppia che non si tocca mai se non con infuocati sguardi d’intesa, questa pizzica è una vera e propria danza di corteggiamento. A condurla è la donna che, sventolando provocatoriamente un fazzoletto rosso emblema del suo amore, stuzzica il partner fingendo di porglielo, per poi subito ritrarsi, in un perpetuo gioco di seduzione.

Ovviamente, in questo tipo di danza non ci sono schemi predefiniti: chi balla segue l’istinto, va dove lo porta il cuore, proprio come fanno i tantissimi profani che, ogni anno, si fanno trasportare dal ritmo alla Notte della Taranta. Giunto ormai alla sua diciannovesima edizione, il più importante festival europeo dedicato alla musica folcloristica si conferma tale stagione dopo stagione, grazie ad una formula collaudata e vincente: oltre alla gratuità, a renderlo veramente unico è un calendario che di volta in volta si presenta sempre più ricco di coinvolgenti attrazioni le quali, per giunta, sono disseminate in tutto il Salento. I paesini interessati si animano con le esibizioni dei migliori gruppi del panorama locale e internazionale per l'intero mese di agosto. Il pezzo forte, comunque, rimane sempre il grande concerto finale di Melpignano che, coi suoi special guest e con i progetti che mixano artisti e generi diversi, promuovendo un’inedita fusione tra linguaggi musicali, l’anno scorso ha portato nella Capitale della musica salentina oltre duecentomila persone.

Forse, però, l’evento che riflette meglio l’originale spirito della pizzica è la festa di San Rocco a Torrepaduli, definita da Giovanni Pellegrino la notte più significativa dell'estate salentina. Organizzata ogni estate a cavallo del Ferragosto, la poetica celebrazione famosa per la danza delle spade presenta sicuramente un’atmosfera più raccolta di quella di Melpignano ma, proprio per questo, per certi versi maggiormente suggestiva. Capace di unire sacro e profano, resuscitando le contraddizioni dell’antica civiltà contadina, la manifestazione, oltre alla pizzica, include una serie di messe che si susseguono ininterrottamente fino all’alba. Dunque, non meravigliatevi se, partecipando alla funzione delle cinque, vedrete tanti giovani appena tornati dai balli e ancora in preda ad un’incontenibile euforia. Il sacerdote sarà il primo a sorridere, di fronte alla concretizzazione di un celebre versetto di Isaia: “Signore, hai mutato il mio lamento in danza”.

 

Newsletter

iscriviti per
ricevere le
offerte in Puglia

Informativa per il servizio newsletter offerto da questo sito

I Titolari del trattamento dei dati forniti dall'interessato per l'iscrizione al servizio newsletter con contenuto commerciale, HELLO VACANZE S.r.l. con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) e SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) forniscono le seguenti informazioni circa il trattamento di tali dati.
Ai sensi dell'art 13 del Regolamento UE 2016/679 ("Regolamento") desideriamo informarLa che i Suoi dati personali, liberamente conferiti, mediante la compilazione del presente form saranno utilizzati per l'invio della nostra mailing periodica.
Il conferimento si rende necessario per l'iscrizione richiesta. Il mancato conferimento dei dati comporterà l'impossibilità di aderire al servizio.

Finalità del trattamento dei dati trattati

I dati personali forniti volontariamente dagli utenti saranno trattati esclusivamente per l'invio di mail contenenti offerte commerciali e, con separato consenso da esprimersi nelle pagine dedicate contestualmente a richiesta di offerte e preventivi, per l'analisi delle Sue scelte di consumo al fine di poterLa servire al meglio.

Chi tratterà i Suoi dati

Potranno venire a conoscenza di tali dati i soggetti autorizzati al trattamento di HELLO VACANZE S.r.l., preposti alla gestione del servizio newsletter, e di SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale.
I Suoi dati saranno trattati con modalità manuali, informatiche e/o telematiche e non saranno né comunicati né diffusi ulteriormente a quanto specificato nella presente informativa.
Specifiche misure di sicurezza sono comunque sempre osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
La informiamo che per l'invio della newsletter viene utilizzata la piattaforma informatica MailUp di proprietà di MailUp S.p.A., con sede legale in Viale Francesco Restelli 1 - 20124 Milano (MI), Codice Fiscale e Partita IVA 01279550196 (o outsourcer).
Sui server direttamente gestiti dall'outsourcer verrà memorizzato il Suo indirizzo email. MailUp tutela gli invii effettuati per tramite della Sua piattaforma con una policy disponibile al link: https://www.mailup.it/risorse-mailup/strategia/privacy-email-marketing/.

Qual è la base giuridica del trattamento dei suoi dati?

I dati che ci fornisce per l'iscrizione alla newsletter vengono trattati in base al Suo consenso.

Come vengono trattati i suoi dati e per quanto tempo?

I dati personali sono trattati per l'invio delle comunicazioni a mezzo mail con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.
I dati trattati per le finalità commerciali di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre due anni.
I dati trattati per le finalità di profilazione di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre un anno.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Al momento della revoca del consenso, anche se espresso precedentemente alla scadenza del termine di conservazione dei dati raccolti per tali finalità, gli stessi saranno automaticamente cancellati ovvero resi anonimi in modo permanente e la nostra Società potrà chiederLe di rinnovare, anticipatamente a tale revoca, il consenso al trattamento.

Come potrà esercitare i suoi diritti?

Potrà rivolgersi per e-mail agli indirizzi email privacy o email privacy, per verificare i Suoi dati e farli integrare, aggiornare o rettificare e/o per esercitare gli altri diritti previsti dagli artt. da 15 a 22 del Regolamento.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Per ogni ulteriore informazione in merito al trattamento dei Suoi dati la invitiamo a consultare l'informativa completa presente nel nostro sito.